Sunday 7 October 2007

groving up...

...dalla mamma ho ereditato l'attitudine a conservare: sia alimentari (marmellate, olive, pomodori etc..) che carte, buste, fiocchi di regali e gadgets...dal papà la capacità di preventivare (????), nel saper scegliere un oggetto anzichè l'altro dopo un attento studio del prezzo, della garanzia, della qualità, del buget di spesa secondo la serietà della casa produttrice dell'oggetto...tutto questo fatto con carta, penna e poi le celle di excel...l'analisi dell'oggetto, da parte del compratore, e delle sue prestazioni, è la base per un buon acquisto e per una sicura riuscita nello scorrere del tempo...

ed è così che mi sono imbattuta nelle cellette di excel per capire se, per la mia attitudine a scattare foto, è meglio comprare una Canon o una Nikon o una Sony (di cui risparmierei le memory stick visto che ne ho un'altra)...sono alla ricerca di rivenditori qui in umbria che mi possano dare garanzie di assistenza e buon rapporto qualità/prezzo...e sono anche alla ricerca di persone che possano darmi opinioni di esperienze vissute su una delle tre...ma la prima domanda è: pellicola o digitale? compatta o reflex? e semmai, quanti megapixel?

17 comments:

Francesco said...

Ovviamente dipende da cosa ci vuoi fare con le foto.
Allora la mia esperienza (direi che sono 25 anni che fotografo) è solo ed esclusivamente Nikon, mai usate macchine di altri marchi; con Nikon (ho avuto 5 macchine a pellicola e 3 digitali) mi sono trovato sempre bene. Macchine che hanno sempre funzionato a dovere e obiettivi dall'ottima qualità. Sul marchio, quindi, io lo consiglio anche se non ho mai fatto un vero confronto e non voglio dire che il resto non vada bene.
Digitale o pellicola: qui al giorno d'oggi non c'è scelta visto che il 90% del mercato è solo digitale. Oramai la qualità è pari se non superiore alle macchine a pellicola anche con ingrandimenti importanti.
Il digitale è più versatile, meno costoso, consente di correggere un bel po' di errori.
Megapixel? Al contrario di quanto si crede non sono fondamentali (pensa che una delle professionali Nikon viaggia ancora con 4 MPX e fa, ovviamente, foto tecnicamente eccellenti. Non farti abbagliare dai pixel, non è quello il metro di paragone.
Compatta o reflex? Anche qui dipende cosa ci vuoi fare: la compatta è più comoda, spesso sta in tasca, solitamente ha un obiettivo con zoom abbastanza completo, ma manca di versatilità. La reflex, più pesante e voluminosa (e costosa), ti consente una maggiore creatività soprattutto se associata a buoni obiettivi. Ovvio, poi dipende da quanto vuoi spendere.
Il mio consiglio? Se fossi in te andrei su una reflex e prenderei la Nikon D40X o la D50 con l'obiettivo del kit; se ti trovi bene, se la cosa ti appassiona fai sempre a tempo a prendere qualche altro obiettivo per avere maggiore versatilità.
Con questo non voglio dire che altre marche non siano valide, semplicemente non le conosco quindi non so dire.
Ah... io sono convinto di una cosa: la bella foto la fa il fotografo e il momento in cui è scattata, la fotocamera è uno strumento che va usato.

ape said...

francesco: terrò presente tutto ciò mi ha detto e lo me lo scrivo pure!..

Spesso, quando si va in questi negozi di elettronica, si trova il prezzo a portata di tasca, ma non la prsona adatta per esporti bene le caratteristiche. Bisogna quindi bisogna informarsi da sè e trovare conferma dall'uso anzichè dal venditore.

Reflex e sicuramente digitale.

Il discorso sulla Sony è questo: non essendo io un'esperta ed avendo sì soldi da spendere, ma non da sperperare, non vorrei comprare una Nikon e non saperla poi utilizzare e lasciarla lì..in più, avendo già una Sony, potrei usufruire delle schede di memoria. Elemento non da sottovalutare, se conti che la Sony è l'unica azienda che si crea monopolio con delle semplici schedine di plastica!

Dovrei trovare chi ha una Nikon e chi una Canon e vedere la differenza, provandole.
Non sono esperta, come ripeto, e non vorrei comprare un "giocattolo" che non so poi usare.

Queste le riflessioni a due mesi dall'acquisto e precedenti ad un giro all'avanscoperta.

GRAZIE mille.
Ti terrò informato e ti chiederò semmai qualche negoziante appaia dire spropositi.

Francesco said...

Di nulla. Contattami pure via mail senza problemi.
Perché dici delle schede di memoria Sony? Non mi dirai mica che hanno delle schede tutte loro?!
Poi sul funzionamento tra le varie macchine non cambia molto: sì, ci sono particolari diversi ma alla fine si tratta solo di far prendere luce in modo migliore e nel tempo giusto ad un sensore (pellicola o digitale che sia). Imparati i principi basilari, molto del resto viene da sè.

ape said...

EBBENE sì, la Sony ha proprie schede di memoria...e costano pure abbastanza.
Ti terrò informato dei miei spostamenti e delle info che "raccapezzo" nei negozi.
Sentire più campane è sempre utile.

titty said...

io ho comprato digitale ma da come leggo sei sicuramente piu esoperta di me nel fotografare...quindi...sicuramente farai un ottima scelta...!!!

Anonymous said...

Ma il concetto di reflex nelle digitali è un po controverso. Nel senso che la reflex confronto alle altre macchine prende il riquadro esatto che vedi nel mirino. Nelle macchine non reflex questo non è del tutto esatto perchè il mirino che tu vedi non coincide cone quello dell'obiettivo. La differenza c'è ma è poca. Sul display di alcune macchine invece si dovrebbe vedere l'immagine esatta, quella che catturerà realmente la fotocamera, con l'arrivo dei piccoli lcd si è potuto ovviare alla mancanza della reflex e in un certo senso le non reflex sono migliori perchè fanno un movimento meccanico di meno, quindi teoricamente piu precise.
E il gioco di specchietti è utile solo per chi usi il mirino tradizionale.
Francesco dimmi se mi sbaglio


Le schedine, a patto che cerchi sd o modelli piu diffusi costano davvero poco, se ti fai la sony perchè fa uso di quelle schedine secondo me non è una buona idea.
Ho una scheda da 512 e un altra da 1024 che non uso mai, te le cederei volentieri, te le spedisco.

Secondo me la foto bella la fa il fotografo, ma soprattutto la macchinetta, quando ho usato la eos di mio cugino mi sono reso conto di quanto siano diverse le macchine buone e quelle ottime, a prescindere dal fotografo.
La cosa piu bella è il ricordo che porta dietro la cura che sta dietro una foto va in secondo livello. A meno che non sia il tuo lavoro

ape said...

titty: se ne so qls è perchè sono alla ricerca di onformazioni..altrimenti ero una capretta!

anonimo: le memory stick che ho già sarebbero utili anche per una reflex della stessa casa madre.
Se dovessi scegliere un Sony invece di una Nikon non sarebbe solo per le schede di memoria, ma perchè mi sentirei "una grande responsabilità addosso" non sapendo affatto utilizzare una macchina da professionisti anche se non professionale...
Certo,ci vuole esperienza e tempo per capirne il funzionamento, ma resta il fatto che forse una spesa grossa non è il caso di farla visto l'uso dilettantesco che ne farei.

Le memory stick della Sony non costeranno poi molto, ma 30 euro detratti da uno stipendio di 400eu cominciano a fare numero...si fa solo una volta e non ogni mese, ma devo far fronte anche ad altre spese e ad altri investimenti.

Devo comunque valutare la portata della spesa e provarle.

Grazie anonimo, terrò presente anche le tue considerazioni,sempre utili!

Filippo said...

Si potrebbe fare il discorso del "più spendi meno spendi", ma non è esattamente così.
Io non ho nè Nikon nè Canon, solo una Fuji che sembra andar bene e mi è costata, al tempo, 146 eu.

Quindi scegli quella che impugni meglo, che senti tua: perchè solo così riuscirai a catturare la realtà.

La Meringa said...

Apetta, un commentino OT, giusto per scusarmi di non essere passata da tanto! Bello il tuo nuovo vestito!

Larry said...

Canon Eos 400 D digital reflex. Non dico altro. Ovviamente ci vuole una passione molto grande per investirci tutti quei soldi.

pOpale said...

Se vuoi ti posso dare qualche dritta per "sfuocare2 bene le foto ;)

Anche io sono per la Canon Eos 400 :)

berso said...

io qui, non ci capisco nulla...farei prima a comprarmi il fotografo proprio.

Francesco said...

@ anonimo: scusa ma hai fatto un po' di confusione.
Allora: si chiamano reflex quelle macchine nelle quali l'immagine che si vede nel mirino è quella esatta che passa dall'obiettivo. Immagine che viene riflessa (da qui il nome) da un pentaprisma e restituita uguale al mirino. Ci sono mirini che ti fanno vedere il 93/95/98 % della scena, alcune fino al 100%, e questo succede sia in digitale che in analogico (pellicola).
Poi se parliamo di digitali dobbiamo considerare che (non tutte!) il sensore digitale è leggermente più piccolo dei 24x36 mm della pellicola, quindi l'immagine "impressionata" è leggermente più piccola di quella che si aveva con la pellicola, ma comunque quello che si vede nel mirino è conforme all'immagine.
Dicevo non tutte perché esistono anche le macchine "full frame" il cui sensore è uguale (o quasi) alle dimensioni della pellicola.

Le macchine non-reflex hanno sensore e mirino non sullo stesso piano; nelle macchine "serie" viene calcolato e corretto l'errore di parallasse, ma nelle macchine non-reflex l'immagine "impressionata" non sarà mai quella che il fotografo aveva calcolato al momento dello scatto guardando dal mirino ottico. La cosa funziona bene se invece si fotografa direttamente componendo l'immagine dallo schermo LCD che restituisce l'immagine così come composta.
(c'è da dire che io -e non solo io - da fotografo abituato al mirino faccio molta fatica ad usare il monitor LCD, che tra l'altro diventa assolutamente inutilizzabile in presenza di tanta luce).

Non ho capito poi il discorso del movimento meccanico. Esistono due meccanismi all'interno della fotocamera: diaframma e otturatore ed entrambi servono per far entrare correttamente la luce all'interno della fotocamera ed impressionare il materiale fotosensibile (pellicola o sensore): il diaframma regola la quantità di luce dell'esposizione, l'otturatore il tempo per il quale la luce entra.
Sono entrambi presenti all'interno delle macchine sia reflex che non-reflex, quindi hanno entrambe gli stessi movimenti.

Io resto convinto che la bella foto la faccia il fotografo grazie alla sua sensibilità, al suo colpo d'occhio e alla fortuna. Il materiale viene dopo. Mi è capitato di fare foto belle anche con una macchina da 95mila lire (questa è una; anni fa ho visto una mostra splendida di foto fatte esclusivamente con macchine usa e getta.
Certo la qualità del materiale aiuta molto, ma prima di tutto viene l'occhio!

sonia said...

A me basta quello che hai ereditato dalla mamma...non esiste semplicità`e ricchezza più bella. :)

Visto che sei molto brava nel fare le foto e lo hai lungamente dimostrato, e mostri ottime capacità è giustamente arrivato il momento di farsi un bel regalo: Fossi in te punterei sulla Canon o sulla Nikon, che io ho, ma non digitale è semiautomatica. Però per avere un maggior consiglio da una brava fotografa e che se ne intende, vai da Lophelia da me. Lei sicuramente ti saprà consigliare per il meglio.

ape said...

sonia: ma che carina!
certo è che, se avessi una di quelle macchine sofisticatissime, mi metterei in consternazione perchè sono nelle mie mani e non sono capace ad usare tt le loro prestazioni.

popale: mi interessa!!

berso: che cucini con la zucca? io pensavo anche a dei dolcetti in bicchierini di cioccolato.

meringa: un saluto a te...

filippo: devo tenere in mano un sacco di macchine prima di farle mie.

francesco: devo rileggere tutto l tuo commento per svariate volte, poi ti dico la mia...per me è tutto nuovo e qualsiasi informazione è un "di più" per la mia prossima scelta.

rutger said...

ovviamente non posso che dirti nikon (a meno che tu non sia una fotografa sportiva tipo calcio o formula uno) e non posso che dirti reflex, ormai il livello del digitale è molto alto e a meno che tu non faccia il fotografo di professione (intendo fotografo alla Newton da rivista quindi) il digitale può tranquillamente rimpiazzare la pellicola (attenzione io per il b\n preferisco ancora la mia reflex non digitale)
Un'ottimo rapporto qualità prezzo è la nikon d40 ma se hai un po' di soldi in più da spendere prendi la d80 (quella che ho preso io) e ti darà delle soddisfazioni enormi....
cmq l'importante è il feeling con la macchina prima di comprarla vedi se il fotografo te la fa provare uno o due giorni... magari gli fai gli occhi dolci ehehhehe

ape said...

rutger: in parecchi me ne hanno parlato bene della D40...prima di scegliere, dovrei provarle tutte!