Tuesday 31 January 2006

gaber docet

"Non so se ultimamente è successo anche a voi, ma io sto diventando pigro. Ma pigro pigro. Proprio nel senso di uscire la sera, di andare al cinema, a teatro. Per carità.Purtroppo c’è sempre qualcuno, magari un amico, che ti fa: "Eh no, caro, quello lì non lo puoi proprio perdere". Ahi ahi ahi ahi maledizione, non lo posso perdere. Ma come "non lo posso perdere"? So già che fa schifo, ma scusami! So già che non mi piace per questo e questo. "Ma come?" fa lui "Non l’hai visto, non hai letto niente, come fai a dirlo?". Ed eccomi al cinema. Otto Oscar, la madre, la figlia, i bambini, l’astronauta scemo. Per un po’ si ride, qualcuno. Poi la tragedia. La vita, la morte. Proprio a lei, poverina. La mamma, i bambini, tutti che piangono. Anche l’astronauta diventa buono, un nonno.In quei momenti vorresti essere dovunque. A casa ammalato, alle corse dei cani, al planetario, al pronto soccorso, dal dentista, dovunque. E invece sono qui, scomodo, non si fuma, otto Oscar, seimila lire, una schifezza, lo sapevo. Che serata!E Invece ho fatto bene a venirci. Sì. Bisogna saperlo quanto si soffre, bisogna ricordarselo. Perché poi quando non ci vai godi. Non si gode mai abbastanza di quello che si perde, mai.Ma ti rendi conto? Essere a casa e pensare "questa sera mi sono perso il Machbeth". Che colpo, ragazzi! Venerdì mi perdo La tempesta. Sono già tutto eccitato. Carmelo Bene me lo perdo martedì. No, martedì c’è un film stupendo di Coppola. Ormai devo perdermi quello lì, è fissato. Quando ce n’è due è un po’ un casino. Sabato invece sono a posto: non vado al dibattito sul nucleare. E anche lì me la godo, ragazzi!.Averlo saputo. Io prima non andavo e basta. Invece è di più, molto di più. Non riuscivo mica a gustarmi così l’idea di non esserci. Ma ti rendi conto? Quando non andavo a vedere Ronconi! Otto ore di godimento, senza intervallo. E che goduria non aver visto Novecento, l’Otello, la Wertmuller, ET, Severino Gazzelloni, Lindsay Kemp. E Lavia? Io quando non vedo Lavia mi sento più buono, come purificato. Ecco cos’è, anche. Non solo godi, ma ti senti più pulito. Una disintossicazione. Tu pensa, sono cinque anni che ogni martedì e ogni venerdì mi perdo J.R. E’ come aver smesso di fumare.Però attenzione. Sì, attenzione, perchè mi sembra che la situazione purtroppo stia un po’ cambiando, sì. Di queste cose colossali, di questi capolavori – così dicono – tipo "Inferni di cristallo", "Padrini", "Cuculi", questa roba qui, ne fanno sempre meno, e non è neanche così obbligatorio andarci.Maledetti, mi stanno togliendo il gusto di perdermi le cose con soddisfazione. La gente la sera sta a casa. Non so se gode, ma sta a casa. Nella penombra delle loro stanze, una sigaretta, una poltrona..."
tratto da "Cosa non mi sono perso"

Monday 30 January 2006


non si capisce se in qst foto si stia concentrando per andare al bagno, se stia facendo i nervi come i bimbi che non vogliono uscire dall'acqua o stia accumulando la forza necessaria per arrivare al 9 di aprile più forte di wonder woman...
fatto è che anche il ns pier ferdinando sta cercando di frenare la carica istituzionale del premier silvio alias "a me nn piace andare in tv"...ma se è come dice, non avrebbe prestati i soldi al figlio per comprare le tre reti mediaset e farle rimanere in casa propria "perchè i panni sporchi vanno lavati in casa !"...anche oggi una dichiarazione di super silvio: niente sesso fino alle elezioni...perchè a quell'età c'è bisogno di astinenza?! non voglio dire nulla contro sto silvio che tanti odiano e che fa uscire dai gangheri anche quel fedifrago di caltagirone junior, ma una cosa è sicura: la sua sperticata "abilità oratoria" (io ad un congresso di FI mi addormenteri,mi alzerei se nn per cantare) non basta in politica: eh va bhè che ha soffiato affari a Carletto De Benedetti (lo cecherebbe!!), passi pure che nelle sue mani ha la medusa film e telecinco, passi pura la proprietà della mondadori, ma perchè a sua figlia non gli fa rifare la faccia...??!!sembra una bambola vecchia di porcellana...
cmq se la dx "dovesse perdere" (perchè è una "lontana" possibilità) qst elezioni, i leader non perderebbero nulla, tutti e tre (bossi nn ce lo conto nemmeno) avrebbero un secondo lavoro di cui occuparsi: casini da suo suocero al messaggero, silvio in una delle mille aziende o a costruire milano 2006 (presidente operaio) e fini a fumare canne in giamaica...
per qst mattina posso ritenermi soddisfatta ...ho abbellito il mio sito...in tutta sinecerità sti chicchi di caffè nn mi piacevano, ma poi ho messo le mani sullo sfondo ed è stato il panico...ci sono miliardi di colori ed io non riuscivo a selezionarne tre,per il mio blog...
va bhé..aria nuova e sfondo nuovo..vedrò di renderlo ancora più bello con i contenuti, perchè sono quelli che contano...vado a preparare il pranzo: oggi zuppa di orzo prosciutto cotto e cavolo verza..nn l'ho mai fatta, ma in qst ultimo periodo adoro i cereali e me li mangerei anche spalmati sul muro come la NUTELLA amica dei ns fianchi..

Sunday 29 January 2006

dopo almeno 14hs di ricerche spericolate per la rete, sono riuscita a trovare un template che mi aggrada...diciamo che mi è piaciuto tanto da rimpiazzare l'altra matrice e mettere qst tazza relax...
ricerca difficile: mi sono resa conto che non è facile accontentarmi...mia madre me lo ripete ogni volta che ci mettiamo a tavola...ho trovato templates a pagamento, free e di cattivo gusto..sono persino andata a cercare nel menu "adult templates", non si sa mai...ma alla fine mi sono decisa, tanto a cambiare si fa sempre in tempo..ma sono contenta perchè alla mia amica giulia è piaciuto il nuovo look e soprattutto graziella è riuscita a configurare il mio blog...
domenica in piedi, a casa, davanti al caminetto...fuori "pillica" ed io non ho voglia di uscire...

Saturday 28 January 2006



Ingredienti
180 gr di burro, 250 gr di farina, 120 gr di zucchero, 1 e ¼ lt di latte, 2 tuorli d'uovo, poche gocce di estratto di limone, 1 e ½ cucchiaio di lievito in polvere, 12 formine da 'muffins'.


Preparazione
Ungete le formine da muffins e scaldate il forno a calore moderato (190º C). Tagliate il burro a pezzi, ponetelo in una ciotola a bagnomaria, e mescolate fino a ridurlo in crema, ma che non sia sciolto. Togliete la ciotola dal fuoco e poco alla volta versatevi mescolando la farina e lo zucchero. Fate intiepidire il latte e versatevi mescolando i tuorli d'uovo e l'estratto di limone. Versate il miscuglio a base di latte nel composto con la farina, aggiungete il lievito in polvere e battete per 10 min con una frusta. Dividete l'impasto che metterete nelle formine (dovrebbero essere circa 12). Fate cuocere nel forno pre-riscaldato per 30-35 min o finchè i muffins siano sodi e dorati.
Conclusioni
ammesso e non concesso che io sia in grado di preparare qst delizia, ma QNT SON BUONI!! la preparazione e la foto non saranno al pari di quelle di fiordizucca e proseliti (anche perchè l'ho presa da internet), ma la bontà rimane..
Come la Madeleine di Proust , quando mangio i muffins mi vengono in mente episodi di vita vissuta, ricordi infantili, gusti e aromi del latte e caffè prima di andare a s(q)uola...la merenda del pomeriggio dopo il compito in classe..
Anche coloro che non hanno letto Proust conoscono probabilmente l'episodio iniziale di Alla ricerca del tempo perduto, nel libro Dalla parte di Swann. Qui il ragazzino assapora una tazza di the nella quale è inzuppato un dolce molto particolare, "corto e gonfio", dice che si chiama "madeleine". Quest'esperienza, che è del tutto insignificante, lo porta in uno stato di felicità e quasi di estasi che tenta di comprendere. Cerca di far questo gustandone una seconda sorsata, ma in quel momento la sensazione si arresta. Il ragazzino si pone di nuovo delle domande sulla sua sensazione. Mi sembra il percorso di ogni esperienza di scrittura: tentare di passare dalla sensazione alla parola e trovare il significato della sensazione.

Friday 27 January 2006

ma dove era l'uomo?


Esistono grandi razze e piccole razze. Non bisogna soltanto ammettere che esistano i gruppi sistematici maggiori, che comunemente sono chiamati razze e che sono individualizzati solo da alcuni caratteri, ma bisogna anche ammettere che esistano gruppi sistematici minori (come per es. i nordici, i mediterranei, i dinarici, ecc.) individualizzati da un maggior numero di caratteri comuni. Questi gruppi costituiscono dal punto di vista biologico le vere razze, la esistenza delle quali è una verità evidente.

tratto da: "il manifesto degli scienziati razzisti "5 agosto 1938
credo che le mamme "delle volte" non si sanno proprio star zitte..credo sia insito del DNA della professione mamma comandare anche quando non ce n'è bisogno..mi spiego..: ci sono battute e raccomandazioni che le mamme devono fare, quasi come rispettose di un contratto firmato all'agenzia amniotica...: 1) se squilla il telefono ed io sono sotto la doccia, per favore rispondi...2)quando l'acqua nella pentola bolle, per favore butta la pasta...3) se esci, stai attenta alle pozzanghere e mi raccomando non guardare fuori dal finestrino mentre guidi...4) dopo la seconda, inserisci la terza marcia....e così via
per fortuna quel "per favore" altrimenti gliene direi 4...ma nn perchè mi sconvolgo o mi innervosisco a sentire certe cose, ma credo che tutte le mamme siano un pò troppo soggette alla loro stessa propria mansione...anche il contratto dei metalmeccanici è pieno zeppo di clausole, ma quello che interessa sono i soldi della retribuzione...
fu un giorno per caso...e per caso mi sn imbattuta nel blog di una gastronoma di successo, anche se non chef, ma di gran cuore e ottimi abbinamenti speziati...
fiordizucca ha conquistato la mia anima culinaria ed ogni g trovo una nuova ricetta pronta per essere sperimentata...sono felice...per una come me che ama stare sopra i fornelli, impiastrare, impastare,condire, farcire e glassare ho trovato il blog delle meraviglie...e qst oggi mi ha dedicata una ricetta tipicamente indiana con spezie ed aromi orientali: ma che carina!!

Thursday 26 January 2006

per esser informata dei fatti ieri sera mi sono cimentata nella visione del GF6....cimentata perchè non si tratta di una semplice visione "passaiva" (alla mike che storpia in americano tt le parole) davanti all'ormai vecchio tubo catodico...si tratta altresì di una presa di coscienza, si tratta di una visione attenta di tutte le battute, di tutte le smorfie e facce fatte dai concorrenti...
si tratta di una continua ed estenuante presa a "parac.." dei protagonisti per le battute fatte o per i disagi sentiti...quindi: una fatica!!
però, come detto, mi sono messa davanti al caminetto e, riscaldata dal tepore di due legna accese, ho assistito alla diretta...12 concorrenti, rapiti dalle loro realtà quotidiane e messi lì dentro, a dormire insieme come in un pollaio cercando di fargli capire che starli a spiare fa parte d grande disegno progettato dall'alto..nessuno di bello e nessuno di super intelligente...solo una cinese che incarna i valori ed i sorrisi del sol levante...un poeta un pò bacchettone, un bullo di periferia...gli altri sono alquanto insignificanti, nel senso che non c'è nessuno che spicca...un gruppo fatto di persone diverse che ti "fanno scappare i nervi" in modi diversi...la bambolina, la "trova pollastro da spennare", il ragazzo dal passato difficile...può andare..almeno non c'è la presentazione di quella ultra 40enne della b d'urso (e non dico altro, tanto se la ritrovano alla fattoria)...la marcuzzi ha portato una sferzata di freschezza e le sue gambe ad "x" le danno una mano...brava alessia, ma la prego di non urlare "siete bellissimi e bravissimi" ai ragazzi...



YXJvdGkgYW1hIGFsYmVydG8g?

Wednesday 25 January 2006

non è vero ma ci credo...

ennesimo test sulla personalità...ne sono stata sempre affascinata...
Quando condividi le tue emozioni con qualcuno, nascono fiori.
Sai rendere ricco il tuo racconto, sai riempirlo davvero di te.
L’atmosfera che si crea non è banale e neanche scontata, proprio perché sono le emozioni stesse che ti muovono nella comunicazione che si caratterizza quindi per la passione che trasmette.
Non ti senti in obbligo nel condividere le tue emozioni con chi ti sta vicino, se lo fai è perché lo hai scelto.
Sei in equilibrio nel darti agli altri, nel raccontarti.
Senti che nella comunicazione empatica, nel parlare di ciò che si sente, accade una magia:si crea uno spazio reale di contatto con l’altro, si genera energia e si sente di appartenere ad un territorio comune.
Il tuo modo di accedere alle sensazioni e di trasmetterle è caratterizzato da spontaneità, autenticità e trasparenza.
Non “progetti” cosa dire, quando dirlo e come, rimani semplicemente in contatto con ciò che senti e quando questo ti porta a condividerlo lo fai.
Questo genera un clima di onestà e affidabilità che stimola anche gli altri ad aprirsi.
Quando una persona riesce ad aprirsi al mondo, senza paura, riesce a mostrarsi senza il peso delle maschere da cui normalmente ci facciamo proteggere, ciò che nasce è autentico, si genera spazio per rimandare all’altro ciò che sentiamo realmente di lui, per accettare se stessi e l’altro per come è realmente.

i parenti...

i parenti sono sempre i parenti..devi volergli bene nonostante ti facciano inquietare...nonostante si comportino male, SONO PARENTI!! ci sono poi quelli che non vedi spesso...quelli che ,anche se abitano nella tua stessa regione, non conosci o solo "per sentito dire"...oggi si è verificata una di quelle occasioni...una di quelle occasioni funebri... la morte di uno zio, per quanto lontano sia, ti fa riflettere...ti fa pensare..ti fa sperare e sentire un pò più forte...sono così andata, con i miei genitori,a trovare il caro zio ormai perso ed ho incontrato la schiera di cugini, 40enni e oltre...sono stata veramente molto felice...da almeno 15 anni nn vedevo alcuni di loro..sono tutti sposati con figlie che potrebbero farmi le scarpe di quanto saranno alte (nn le ho viste)....tutti appesantiti dall'età ma cordiali e sinceri...felici della ns visita nonostante la triste circostanza...per non parlare di mio nipote, della mia stessa età, alto e signorile: un principe dagli occhi azzurri, biondo e così cordiale da sfiorare l'innamoramento...
sono felice di avere parenti non serpenti..almeno con me..

Tuesday 24 January 2006

leggo che selvaggia lucarelli, la mitica eroina dei blog, si sia fatta corrompere ed abbia accettato di partecipare alla FATTORIA...
leggo anche che il ns premierino voglia prorogare di due settimana la durata della legislatura...ma se la legislatura finisce il 13 maggio, se la si termina prima significa anticiparla nn prorogarla...di buoni motivi ce ne sarebbero: spostando di due sett la legislatura, i lavori parlamentari si incrocerebbero con quelli per l'elezione del Presidente della Rep....in più basta andare contro berlusconi...ma nn perchè sia una sua fan sfegatata, anzi...penso solo che alcuni temi di politica interna vadano presi cn le molle e nn passati da governo a governo..quindi, il premierino avrebbe ragione...se sapessimo quale leggi e disegni deve ancora sistemare prima di cedere la poltrona, forse ce l'avremmo meno cn lui...quindi ricapitoliamo: prima si decide di anticipare la scadenza dell'attività governativa per non creare problemi parlamentari tra le diverse elezioni e poi si pensa a prorogarla...un italiano all'estero cosa penserà mai??!!
leggo anche che nella casa del GF6 già si sn scambiati effusioni...tra chi, nn me lo chiedete...sn fuori dal gioco...leggo anche che nel gruppo c'è augusto de megni, quel ragazzo che da "bambino" è stato rapito dall'anonima sequestri in sardegna... ma nn era già famoso?!!?
leggo: simona ventura nn fa più parte della scuderia di lele mora...e sembra che lui ci sia rimasto male....veramente ci sn rimasta più male IO: sto manager ha cambiato il suo nome da DARIO a LELE...un passo di qualità??non so se il nome "tipicamente" da manager abbia influito sui suoi introiti, ma qst guadagna un sacco di soldi...tra tutte quelle starlette, sembra più tinto brass che un manager...

A.C. ...martedì..

credo di esser diventata una patita di pc e informatica...credo di aver capito il significato del gergo html...un linguaggio per webmaster, per i costruttori di siti, e non palazzinari come ricucci...ne sono felice, un sapere in più nella vita fa bene...oddio, chiamarlo sapere, forse mai parola è stata più inappropriata...ieri mi sn messa alla ricerca di di qualche tool per il mio blog..poco ho trovato, se nn un search engine..fa sempre comodo...ieri inoltre ho cercato altre icone per il mio desktop..qualcosa, ma quelle più belle sono a pagamento....

i had a dream: forse il mio inconscio da tempo mi vuol far capire che nn c'è trippa per gatti, ma io insisto..e visto che da sveglia nn capisco, mi passa i segnali da sonnolente...ho sognato che un cartomante, bello e socievole, mi leggeva i tarocchi..eravamo nella mia stanza e sul mio tavolo (ne erano due) eran sedute due ragazze, sorelle, A.C. e questo cartomante...la risposta dei tarocchi: devi diffidare dal ragazzo con l'orecchino con il pallino..a questo monito ho naturalmente chiesto perchè...diffidare nel senso di stargli lontana,nel senso di lasciar perdere?il cartomante mi ha data una risposta che di emblematico nn ha nulla, ha solo palesato ciò che mi ostino a nn capire: devi stargli lontana perchè faticheresti a capirlo...

Sunday 22 January 2006

You can't know who that person is,
the person who will become your ultimate confidant,
your soul mate, or your lover.

Saturday 21 January 2006

A.C.:..pensavo di parlarne..

un'altra domenica qui..a casa davanti il pc...devo studiare, ma per me e non perchè gli altri se lo aspettano..e nn perchè i miei vogliono il meglio...tutti i genitori vogliono il meglio per i propri figli...devo perchè sennò che faccio?se nn faccio poi come faccio a fare quel che devo fare?
mi tiro su le maniche, aggiusto i capelli, li raccolgo ed ecco, pronta per cominciare...ma, c'è sempre un ma...tra poco devo uscire? inutile star qui a concetrarsi se tra poco devo deconcentrarmi di nuovo...allora, nn resta che continuare a far nulla fin quando nn esco e poi nel pom, di nuovo qui...NOOOOOOOOO..niente di più sbagliato?e se poi nel pom trovassi di meglio d FARE DEL MIO DOVERE??nn posso permettermelo..quindi, forza e coraggio..mario bianchi, registriamo..
Un buon idiota non pretende mai di capire la realtà delle cose.
Un buon idiota si riconosce dallo sguardo.
Un buon idiota ha il cervello perennemente spento ed è portato per natura a bersi quasi tutte le frottole che gli si dicono.
Un buon idiota sa come spegnere il cervello e come vivere un'intera vita senza mai nemmeno tentare di accenderlo.
Un buon idiota si fida ciecamente dei politici di professione, dei demagòghi e dei grandi possidenti.
Un buon idiota non è correttamente informato e non sa esattamente cosa fa il governo del suo paese.
Un buon idiota guarda molta TV quello che sa lo ha appreso dalla TV.
Un buon idiota si infervora quando gli parli male della sua squadra del cuore, legge spesso i quotidiani sportivi e segue con trasporto le trasmissioni sportive.
Un buon idiota non legge quasi mai libri, leggere cose impegnative lo debilita terribilmente.

A.C.

i meccanismi mentali non sono facili da studiare...figurarsi quando si pensa ai propri...si rischia di cadere nella banalità di sentimenti e di espressioni..si rischia di minare di insulso e inappropriato certe inadeguate spiegazioni sulle lugubrazioni dell'animo..l'animo è istinto e ragione...quando si parla di cuore la ragione viene meno...e si trova riparo nell'illusione...c'è chi dice che le donne che hanno avuto successo con gli uomini hanno dichiarato vano l'uso dell'intelligenza..possibile? da femminista abbastanza convinta suppongo di sì..ma credo anche che noi donne dovremmo andare un pò incontro a questi uomini un pò svampiti, dispersi nel labirinto dei loro pensieri e arroccati sulle loro posizioni "masculinamente mammone"...la mia non è nè una critica nè un elogio...anche noi donne siamo così dannatamente esigenti, delle volte sin troppo decise e rigide..e forse per i ragazzi non è affatto facile venire incontro alle ns esigenze (quali sono??)..sapere e percepire, da un ns gesto , le ns fantasie...ma se non ci faccamo avanti, mai sapranno cosa vogliamo..mai sapremo se un cd regalato può aprire o no le strade del cuore..

Thursday 19 January 2006

allora..

diciamo che ieri è stata una giornata strana..diciamo pure che io me la prendo troppo..appena trovo un elemento che abbia effetti concilianti e rilassanti per la mia mente, ne farei indigestione..
ultimamente nella mia vita le cose stanno andando, ma nn come vorrei..diciamo che dovrei fare d meglio e di più ma nn trovo la forza...mi sembra d essere in uno di quei sogni in cui cerchi di camminare, ma il vento ti riporta indietro e tu rimani lì...senza forze e senza giacca...il vento è troppo forte e nn ti fa camminare...ti rende solo un essere esanime, don chisciotte contro i mulini a vento...

Tuesday 17 January 2006

artefice del mio destino...

ieri mi sono resa soggetto della mia stessa vita...credo di aver dato una parte del mio meglio...credo di esser riuscita ad intessere buone relazioni, di aver saputo coltivarne di nuove e di aver messo a segno una sovra-performance...
spiego:ieri sono tornata in quei di perugia....affannata e affamata di desiderio per quel giovane di cui ho parlato qualche g fa...diciamo che la mia era ansia (come poteva mancare anche in qst occasione?!?) da prestazione:volevo mettere in scena il meglio di me con quel ragazzo di cui ho parlato pochi gg fa, soprattutto perchè ci conociamo ma nn troppo..e credo che entrambi siamo restii a fare il primo passo per paura di cagionare fastidio all'altro o di trovarci in imbarazzo...o almeno per me è così...anche se non dovrei averne perchè salutare una persona che conosci non è imbarazzante, è EDUCAZIONE...
dunque: situazione tipo in biblioteca....tutti a studiare persino io...con la mia amica stavamo traducendo quando arriva il pargolo...bello in tutto il suo splendore, elegante a modo suo e concentrato..tanto è che mi ha vista molto in ritardo, ma nn gliene faccio una colpa..succede...dopo diverse prove reciproche di approcciare per darci il sospirato buon anno, finalmente trovo "il coraggio" per andare da lui e potermi perdere nei suoi occhi...e così è stato..poco ricordo di ciò che mi ha detto, ma ho ho capito che nn avevo nulla da temere...niente è più rassicurante del sorriso della persona che ti fa battere il cuore, niente ti fa volare come uno sguardo accogliente e sincero...

Sunday 15 January 2006

la quiete dopo la tempesta..

ieri pomeriggio ho vissuto uno di quei momenti che poche volte capitano nella vita...un urlo liberatorio di pianto..finalmente sono riuscita a piangere...finalmente sono riuscita a capire il malessere che attanaglia la mia mente...un pò di angoscia per il futuro, un pò di tristezza per miei comportamenti non molto ortodossi per persone che dovrebbero far parte della mia vita anche contro il mio volere..eppure non riesco a perdonare..eppure non riesco a buttare alle spalle sorrisini scciocchi e battutine, prese in giro per farmi pagare una battuta detta a 17 anni nel pieno della mia adolescenza stramba...va bhè..ieri sera ho avuta la conferma che poco può fare per l'umanità LEI...il suo bagaglio culturale è abbastanza leggero ed io lo riempirei un pò, parecchio..così le fanno male le spalle...
sciocca che sn!!continuo a fare il suo gioco...e ancora di più perché continuo a parlare di lei anzichè fare il mio dovere...

Saturday 14 January 2006

caro morgan, sono felice tu mi segua,ma ti prego di nn prendere esempio...sono un pò disgraziatella..diciamo tonta, sfaticata, cogliona ed ancora un pò bambina..per certi versi coraggiosa quando mi vado ad impelagare in situazioni da cui è oggettivo non poterne uscire in breve...il prossimo mese i miei 26 anni non si prostreranno ai miei piedi per avere direttive...e dunque qui sto...la mia fase di rinnovamento è minata dalla critiche che giungono dalla stessa casa in cui vivo...sono disordinata e non riesco a trovara la corazza anti-genitori...diciamo che a 26 anni la maturità dovrebbe fungere da corazza, ma come già detto non ce l'ho...o cmq non saprei dove acquistarla...è una situazione angosciante soprattutto qnd ti si chiede di cominciare a pensare al tuo futuro, a ciò che vorrai fare da grande e poi, alle tue idee, ti si risponde: "ma hai presente cosa vuol dire lavorare in una finanziaria?oppure andare all'estero, oppure in una società di assicurazioni oppure all'ufficio personale di un'azienda?è massacrante!!"...allora, se l'avessi bene in mente, forse non lo metterei in lista..in secondo luogo: ciò che per te è massacrante a me potrebbe apparire semplie, difficile, ma sostenibile da affrontare..nn si rendono conto che i miei canoni di giudizio non sono uguali ai loro, anzi, totalmente diversi....e cmq nn posso vivere con le loro paure e la loro intelligenza..io ne ho una anche se a volte tarda a manifestarsi...
quindi caro morgan, continua a vivere come leggo dal blog... non farti mai angustiare dalle opinioni degli altri...

Friday 13 January 2006

una giornata serena??

iniziato il periodo di rinnovo, anche il sonno si fa più rilassante e ricco di desideri...non aspettavo altro che qst: sognare sognare sognare e svegliarmi la mattina con un sorriso da ebete...o compiacermi la notte di essere serena e tranquilla da fare sogni simili..sono sogni, ma qnd sogni baci e abbracci da una persona che nn hai mai raggiunto, ti senti un pò più leggera...anche ultimamente ne ho parlato cn la mia amica. chisà perchè ci sono periodi che penso tnt tnt intensamente ad un ragazzo..un tipo conosciuto tra i corridoi ed ora ancora là...nell'ultimo periodo di permanenza a perugia avevo trovato un canale di dialogo, minimo ma per me era molto...e credo che la mia discrezione per gli altri mi abbia fatto scappare un'occasione di dialogo, anzi diverse...devo essere meno educata e più decisa..più calma qnd parlo con le persone che influenzano il mio atteggiamento e andare dritta al dunque...nn posso continuamente farmi pilotare dalla mia debolezza...

Thursday 12 January 2006

nuova era

senza le mie amiche nn sarei riuscita ad uscire dallo stato di insoddisfazione e preoccupazione in cui ero caduta...non posso pensare di fare tutto e tutto insieme...credo che il desiderio di poter schioccare le dita ed avere tutto pronto davanti a me non si realizzerà a breve..credo inoltre che la mia "prescia" di terminare qst incubo mi abbia fatto decelerare...ho accumulato polvere ed ho dovuto spazzare nel tentativo di allontanare da me certe preoccupazione che ormai erano radicate...ho sbagliato...si dice che gli errori servano a crescere...sarà, ma il mio atteggiamento è naturale, cioè sn così di carattere, non cambierò molto facilmente...ed invece devo sforzarmi...devo andare per la mia strada, nn farmi infinocchiare da false illusioni e pensieri...qst è la mia vita e nn dovrei permettere che altre o altri interferiscano per manipolare i miei tempi, le mie sensazioni...forse la crisi economica, forse la stagnazione a cui stiamo assistendo si sta impossessando delle ns menti..forse la scalata alla BNL mi ha fatto riflettere..o forse la strizza di c_ _ _ mi ha svegliata dal sonno che mi opprimeva..sarà ma credo di essermi incamminata per un sentiero verde e florido...spero di trovare tutte le mollichine..

Tuesday 10 January 2006

un sogno premonitore?

credo di aver fatto un sogno..per la verità credevo di essere lì, sbraitante, in attesa di una punizione (semmai esistessero a 26 anni)...tutto è cominciato da una discussione sulla gonna nuova..anzi, gonnE nuove...in poco tempo infatti ho comprato due gonne, nn uguali nel disegno, ma ugulai nell'originalità...bellissime e coloratissime..un tocco di novità nel mio guardaroba...a mia madre l'acquisto è rimasto in gola tanto è che nel sogno mi ha rimproverata di aver comprato due gonne uguali...UGUALI!!!mi sn messa ad urlare fino a vomitare tutta la mia angoscia d qst gg di fuoco..il mese prossimo vivrò in stato di cattività...sarò una bestia come nel sogno...il lamento finale in presenza di un amico d mio padre e della sorella d mia madre...due persone per cui nutro stima ma che nel sogno nn dovevano proprio esserci...
mi sn svegliata quasi con il timore che quello nn fosse stato un sogno bensì la realtà, mi sarei sentita sollevata...qnt vorrei dire loro qnt sto male...

sta arrivando il bel tempo?

credo si stiano allungando le giornate...ne sono più che felice..il mio umore spero ne possa risentire, lo spero vivamente..e poi spero di poter dire addio a questi pomeriggi sotto digestivo

Monday 9 January 2006

sindrome di peter pan

sarà la mia voglia di "nn crescere", ma anche ieri sera sn caduta nel baratro telefilm e qst matt sn andata in giro per la rete a cercare recensioni...
ieri è stato il turno di RIS: uno spin off dei più celebri NCIS e CSI (NY, Miami o Las Vegas) anzi, una copia dei celebri americani...qst è la sera di THE OC: nuove puntate, nuove comparse e rivelazioni...ho viste le puntate trasmese da Fox america e sono pregne di novità, per quanto prevedibili.
a questo proposito, consiglierei la visita di un blog per meglio chiarire e capire: dellaserie.blog.kataweb
ieri sono entrata in una cucina d un vero ristorante..una cucina grande,spaziosa, frigorifero imponente, 8 fornelli, pentole "da mietitura"...sono rimasta affascinata e impaurita come una bambina di fronte a babbo natale...temevo di rovinare qualcosa e temevo che il cuoco mi cacciasse per spionaggio industriale..invece mi ha accolto come una semplicissima rompi scatole curiosa come una scimmia per carpire i segreti culinari...tornerò ad aiutare...
a pranzo da parenti a mangiare pesce con due signore argentine simpatiche e cordiali...nel pomeriggio, al freddo e al gelo, guardando stand di antiquariato, retrò e demodé, ma l'ob era un altro: volevo provare a trovare (ricomprare) l'orecchino di corallo perso a merano...la ragazza dello stand è stata talmente gentile che nemmeno mi ha fatto pagare...e naturalmente per ripagare la sua gentilezza, LE HO COMPRATO un altro paio di orecchini...nn avevo altra scelta se nn quella di andarmene soddisfatta, ma nn riesco a nn aprire il mio portafogli di fronte a tanta bellezza etnica..
dimenticavo: sabato sono andata a roma ed ho riscoperta la bellezza dell'amicizia..grazie gè

Thursday 5 January 2006

Naturarmente, la Dipromazzia
è una cosa che serve a la nazzione
pe' conservà le bone relazione,
co' quarche imbrojo e quarche furberia.

Se dice dipromatico pe' via
che frega co' 'na certa educazzione,
cercanno de nasconne l'opinione
dietro un giochetto de fisionomia.

Presempio, s'io te dico chiaramente
ch'ho incontrato tu' moje con un tale,
sarò sincero sì, ma so' imprudente.

S'invece dico: -- Abbada co' chi pratica...
Tu resti co' le corna tale e quale
ma te l'avviso in forma dipromatica.
sono preoccupata...sono giorni che rincoglionisco la mia amica (ragazza di buone maniere, paziente e di modi educati) perchè c'è una situazione del mio parentado che mi proccupa..anzi, ci sto proprio male..si tratta della ragazza di mio cugino..[(apro una parentesi)...ho due cugini grandi, di quelli stretti, di primo grado, entrambi fidanzati con due ragazze, of course,di cui una nn mi va a genio]...dicevo: la ragazza di mio cugino non mi piace...da quando l'ho conosciuta non mi piace...non è bella, è un pò bucolica ed è vendicativa....quando l'ho vista la prima volta mi sn lasciata sfuggire un commento poco carino, tipo:"pensavo meglio"...a distanza di 5 anni, si è vendicata facendomi piangere tt i gg, ospite nella mia casa al mare...la odio...e nn credo sia la persona giusta accanto a mio cugino già tenebroso e cupo di carattere....vicino a lei, lui nn migliora, nemmeno si compensano, sn uguali...per questo nn voglio averli a cena da me e nemmeno voglio andare al loro matrimonio il prossimo 9 settembre (già che c'erano potevano fissarlo l'11 in onore di bush)....
ed ora nasce un altro problema: a casa mia i parenti, la formalità e la buona educazione sono la prima cosa da rispettare (come in tt le case)... lo stesso vale per la democrazia, la burocrazia e la diplomazia...accennare alla semplice volontà di mancare a qst importante appuntamento, ESSENDO NOI PARENTI STRETTISSIMI, significa bestemmiare...dovrei trovare una scusa plausibile, un alibi di ferro..o dovrei sperare che, essendo squattrinati, nn ci invitino...ma la vedo dura..mio pade è stato un padre per lui prima che io venissi...e pure un sostegno economico per case varie..quindi, sarebbe maleducazione per lui nn invitarci, anche se io ne sarei felice...
ma nn è detto che nel corso di qst 9 mesi lei nn muoia o si faccia l'amante...MAGARI!!
se nn dovessi avere scelta, dovrei far sì di lasciare un segno al matrimonio...sicuramente,visto il rapporto controverso, nn mi chiamerebbero a fare da testimone...ed io nn vorrei...
però mi piacerebbe stupire anche lì...tra gli invitati di Rivotorto e maiali di altri ceti, cercherò di spiccare per bellezza ed eleganza...anzi, cercherò di distinguermi...
nn amo stare al centro dell'attenzione soprattutto ad un matrimonio, ma per lei farei qst ed altro...voglio apparire e ricevere più attenzioni e più complimenti di lei..
sono inczz e qst intenzioni potrebbero apparire frutto della foga da vendetta..ma nn è così..nn è assolutamente così...voglio solo dimostrare che la superbia contro la cugina di suo marito che le ha prestati i soldi, nn ricambia..anzi...vedrà cosa vuol dire abitare in quei di narni...sperimenterà il "viver in gaudio"..

Tuesday 3 January 2006

er pensiero

Qualunque sia pensiero me viè in mente
prima de dillo, aspetto e, grazzi’a Dio,
finchè rimane ner cervello mio
nun c’è nessuno che me po’ di’ gnente.

Ma s’opro bocca e je do fiato, addio!
L’idea, se nun confifera la gente,
me po’ fa’ nasce qualche inconveniente
e allora er responsabile so’ io.

Per questo, ner risponne a quarche amico
che vorebbe sapè come la penso,
peso e misuro tutto quer che dico.

E metto tra er pensiero e la parola
la guardia doganale der bon senso
che me sequestra er contrabbanno in gola.
marco baldini è la prova vivente del fatto che crescere è fatica...dopo 5 anni di silenzio, è uscito allo scoperto ed ha dichiarato la sua causa di perdizione: il gioco d'azzardo...per svariati anni ha giocato ai cavalli ed ha perso soldi su soldi..li chiedeva ad amici pensando d poterli restituire, ma la foga da gioco era talmente forte che è caduto nelle mani degli strozzini...ha toccato il fondo in un campo cn in mano una vanga con cui avrebbe dovuto scavare la sua fossa, ma è risalito in superficie...ha saputo lottare ed ora eccolo di nuovo a farci ridere...spero possa un giorno dimenticare il suo passato, ma se dovesse diventare un uomo grande e forte, dovrà render merito al suo passato.
siamo tornati alla normalità...la quasi e totale normalità...finite le feste, ci rimangono da finire gli avanzi e tt gli ingredienti per fare le tartine...il 6 un'altra festa, ma chissà perchè nn ce la godiamo cm le altre...

Sunday 1 January 2006

il primo dell'anno...

è sempre un'incognita: cosa fare il 1 GENNAIO del nuovo anno..il tempo, qst anno, ha pensato per noi: PIOVE!!
serata a casa cn parenti e poi fino alle 2:00 (ma n'erano vezzi??) a chiacchierare davanti al camino, commentando la "frizzante" carriera di rita pavone/paone(??) (ma nn doveva ritirarsi fra le bende?)..e carlo conti?lo spettacolo della Rai sembra un teatrino che, INESORABILMENTE, viene trasmesso tutti gli anni, da una piazza semi famosa, e fa ridere grandi e bambini...nel senso che i grandi si divertono a vedere i cantanti dell'Italietta degli anni del BOOM economico ed i ragazzi ce stramazzano sopra...in un certo modo tutti si divertono, ma perché carlo conti nn cambia battute?e soprattutto faccia....e poi nn doveva essere gay?
la mia cena ha avuto gran successo..e poi quel pane alle noci era squisito...
un'altra domanda: perché tramite il tubo catodico durante le feste nn trasmettono qls di interessante??ma nn voglio un film cn/e vittorio gassman, ma almeno un cartoon, qls d divertente per tt la famiglia..qls d speciale da vedere mentre si gioca a carte...mah!!
ho un altro blog che sto arricchendo di g in g...